L’importanza della qualità dell’aria in ufficio.

L’arrivo del vaccino contro il Covid-19 ha fatto tirare un sospiro di sollievo al mondo intero: con l’allentamento delle restrizioni, le persone stanno tornando ad usufruire di uffici, negozi, ristoranti, cinema e palestre, e questo sta sollevando nuove domande riguardanti la sicurezza degli ambienti interni.

In particolare, la qualità dell’aria all’interno degli edifici.

Molte delle problematiche di salute sperimentate dai lavoratori hanno come causa principale una cattiva qualità dell’aria indoor, motivo per cui è essenziale mantenerla il più possibile salubre. Ciò non solo favorisce il comfort dei dipendenti, ma protegge anche il loro stato salute.

La qualità dell’aria influisce non solo sullo stato fisico, ma anche sul benessere mentale: l’ISS (Istituto Superiore di Sanità) sottolinea che, indipendentemente dagli effetti sulla salute, la qualità dell’aria indoor influenza le prestazioni e il benessere fisico e mentale dei lavoratori, citando gli effetti in termini di produttività, di concentrazione, di tempi di reazione, oltre agli effetti sul livello di motivazione e soddisfazione, competenze professionali, giornate di assenza, livelli di stress e, conseguentemente, costi sanitari e di assistenza a carico del lavoratore e/o del Servizio Sanitario Nazionale.

In uno studio pubblicato su Environmental Health Perspective viene riportato che lavorare in un ambiente con una buona qualità dell’aria aumenta le performance dei lavoratori. I risultati dell’esperimento attestano che le persone che lavorano in ambienti ben arieggiati, con bassi livelli di CO2 e di inquinamento ottengono punteggi migliori rispetto a coloro che stanno in uffici ‘meno green’, con livelli di inquinamento e CO2 considerati standard.

La chiave per migliorare la qualità dell’aria è consentire una migliore ventilazione. Alcuni suggerimenti:

  • Aprire finestre e porte per aumentare il flusso d’aria esterno;
  • Utilizzare un filtro dell’aria o un purificatore. Un sistema di filtraggio dell’aria all’interno degli edifici è fondamentale. I filtri sono un modo relativamente semplice per aiutare a mantenere pulita l’aria interna perché permettono la raccolta di particelle che altrimenti si muoverebbero attraverso prese d’aria, condutture ed ambienti;
  • Controllare i sistemi di ventilazione e di scarico in tutte le aree, compresi i bagni e le cucine, per assicurarsi che funzionino a pieno regime;
  • Utilizzare sistemi portatili di ventilazione / filtraggio del particolato ad alta efficienza (HEPA) per migliorare la qualità dell’aria;
  • Ripensare la progettazione e il layout degli ambienti di lavoro, favorendo la circolazione dell’aria.

Qualsiasi routine di pulizia extra introdotta all’interno degli ambienti di lavoro durante la pandemia avrà un doppio impatto sulla qualità dell’aria interna. In primo luogo, aiuterà a ridurre al minimo la trasmissione degli agenti patogeni, mantenendo le superfici pulite e igienizzate. E in secondo luogo, aiuterà a prevenire la circolazione di polvere e sporco, riducendo l’impatto di allergie e altri problemi respiratori.

Un ambiente di lavoro salubre vuol dire dipendenti più motivati e produttivi.


Related Posts